Salta al contenuto principale

Ammissione Strumenti

Su EuroTLX l’ammissione di strumenti finanziari avviene tipicamente su richiesta dei Liquidity Provider, ad eccezione dei titoli destinati al segmento EuroTLX Quote per i quali l’ammissione alla negoziazione avviene su esclusiva iniziativa di EuroTLX.

Ogni strumento finanziario per essere ammesso alle negoziazioni su EuroTLX, ad eccezione di EuroTLX Quote, deve avere almeno un Liquidity Provider che si assuma gli obblighi di liquidità previsti dal Regolamento del Mercato.

La presenza di almeno un Liquidity Provider è finalizzata a facilitare il disinvestimento da parte degli investitori e, più in generale, a supportare la liquidità dei titoli negoziati su EuroTLX.

 

Tre sono i profili di Liquidity Provider possibili su EuroTLX:

  • Market Maker A

L’operatore Market Maker A si impegna ad assumere obblighi di liquidità su almeno 250 strumenti finanziari. Tale impegno può ritenersi soddisfatto anche qualora sia adempiuto da più società del gruppo di appartenenza del Market Maker A.

L’Operatore che intende essere ammesso in qualità di Market Maker A deve:

  • Inoltrare domanda di ammissione quale Intermediario entro e non oltre 90 giorni dalla presentazione della domanda di ammissione quale Market Maker A;
  • Inserire EuroTLX tra le sedi di esecuzione nell’ambito della propria Execution Policy entro e non oltre 60 giorni dalla presentazione della domanda di ammissione quale Intermediario.

A fronte degli impegni assunti e del conseguente contributo alla liquidità del mercato EuroTLX, l’Operatore Market Maker A beneficia del livello di fee di trading più competitivo. 

  • Market Maker B

L’operatore Market Maker B si impegna ad assumere obblighi di liquidità su almeno 30 strumenti finanziari.

  • Specialist

Indica l'Operatore che si impegna a rispettare gli obblighi di liquidità stabiliti dal mercato EuroTLX, con riferimento ai certificate e/o ai cw e/o alle "obbligazioni bancarie non Eurobond" e/o altre obbligazioni e/o agli altri titoli di debito, alternativamente:

  • da esso stesso emessi ovvero emessi da società da esso controllate, controllanti o collegate o appartenenti allo stesso gruppo; oppure
  • emessi da altri emittenti bancari e collocati dallo Specialist e/o dai soggetti sopra indicati presso la propria clientela e/o quella dei soggetti sopra indicati; oppure
  • per i quali i soggetti sopra indicati abbiano assunto impegni nei confronti dell’emittente e/o intermediari, diversi da emittenti sovranazionali o governativi ovvero agenzie, per sostenere la liquidità dello strumento finanziario nel mercato secondario.
  • distribuiti avvalendosi del mercato EuroTLX

Qui è possibile consultare l'elenco dei Liquidity Provider operativi su EuroTLX.

Tutti i Liquidity Provider per poter quotare uno strumento finanziario e supportarne la liquidità in via continuativa devono inoltrare specifica richiesta al Mercato scegliendo tra:

- gli obblighi di quotazione previsti dall’art. 6.4 del Regolamento di EuroTLX, obblighi "in acquisto e in vendita". Il Liquidity Provider in questo modo perfeziona con EuroTLX un accordo di market making, ai sensi dell’articolo 17 della Direttiva 2014/65/UE, "Market Maker MiFID II";

oppure

- gli obblighi di quotazione previsti dall’art. 6.5 del Regolamento di EuroTLX "Obblighi di quotazione single side", accordo di "Market Maker volontario".

 

Perché richiedere l’ammissione di obbligazioni bancarie su EuroTLX

Portare le proprie obbligazioni bancarie in negoziazione su EuroTLX è la soluzione ideale per assicurare che tali strumenti finanziari siano:

  1. negoziabili in un contesto pienamente trasparente e rispondente a tutti i requisiti di varia natura previsti da MiFID II; 
  2. considerati eligibili per servizi di execution only ai sensi della MiFID II (si confronti l’articolo 25, comma 4, lett. (a). (i) di tale direttiva);

  3. considerati liquidi ai sensi e per i fini della Comunicazione Consob del 2 marzo 2009 n. 9019104 in materia di titoli illiquidi.